Via B. Cottolengo, 10
20099 Sesto San Giovanni (MI)

Parole dalla Direzione

Il racconto di quanto accaduto a scuola la settimana scorsa ( le orme dei dinosauri) ha risvegliato nella mia mente una riflessione che mi è capitata spesso tra le mani. E’ quella di un Anonimo brasiliano che ripercorre le tappe della sua vita, in un rapporto di confidenza col suo Signore, ma anche di domanda accorata sul senso dei momenti duri della vita.

Ve la ripropongo:

“Questa notte ho sognato che camminavo sulla sabbia accompagnato dal Signore, e sullo schermo della notte rivedevo tutti i giorni della mia vita.

Per ogni giorno della vita passata, apparivano sulla sabbia due orme: una mia e una del Signore.

Ma in alcuni tratti vedevo una sola orma che coincideva con i giorni più difficili: i giorni di maggior angustia, di maggior paura emaggior dolore.

Allora ho detto: “Signore, Tu avevi promesso che saresti stato con me, sempre, e io ho accettato di vivere con te.

Allora perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti più difficili?”

E lui mi ha risposto: “Figlio mio, tu lo sai che io ti amo e non ti ho abbandonato mai: i giorni in cui hai visto solo un’orma sulla sabbia, sono stati i giorni in cui ti ho portato in braccio”.

Quella del Signore è una risposta rassicurante: anche quando ci sembra di sperimentare la solitudine, l’abbandono, la tristezza, Lui non ci lascia, ma ci raccoglie, per stringerci a sé e per rendere più sostenibile

il nostro cammino nella vita.

E’ l’esperienza che i nostri bambini fanno quotidianamente tra le braccia dei genitori, dove si rifugiano quando una difficoltà, un imprevisto, una paura li coglie: offrire momenti di tenerezza, magari nel silenzio

di parole non dette, è ciò che esprime più di ogni altra cosa il nostro bene per loro.