Via B. Cottolengo, 10
20099 Sesto San Giovanni (MI)

FRATELLI-SORELLE: UN LEGAME UNICO ...... LE RIFLESSIONI DI UNA MAMMA
Rientrata, dopo l’incontro alla scuola materna con la dott.sa Riccò e gestite le solite e impegnative attività della sera, quali la cena e la messa a letto della “tribù”, posso soffermarmi a riflettere su cosa mi porto a casa da questa chiacchierata di un’ora e mezza. Sicuramente un senso di condivisione e di sostegno reciproco: la possibilità di confronto, anche se di contesti e situazioni non sempre uguali a quelle delle altre famiglie, mi rassicura: così mi sento un po’ meno sola nella fatica del quotidiano. L’argomento “fratelli, sorelle… un legame unico” è stato molto interessante e mi sono sentita rasserenata nell’avere la conferma che la relazione dei miei figli, sempre più conflittuale che complice, è la normalità. Ovviamente la relazione tra fratelli varia a seconda dell’età dei bimbi e della differenza d’età tra loro (e durante la serata abbiamo avuto modo di ascoltare diversi esempi portati da noi genitori), ma soprattutto giocano un ruolo fondamentale le figure dei genitori, che devono imparare a calibrare le reazioni nel rispetto di tutti i figli, sempre ricordandosi che i bambini sono estremamente svegli ed intelligenti. Infatti il rischio è di fare paragoni e può anche accadere che si pretenda che il più grande (anche se si tratta di bimbo di pochi anni) venga investito di responsabilità che non gli competono nei confronti dei fratelli minori. Ognuno dei nostri figli ha  bisogno di essere riconosciuto come individuo per ciò che è, senza essere messo in contrapposizione con altri. Un altro spunto che ho tratto e che desidero prefiggermi come obiettivo è evitare di “etichettare” i miei figli. In effetti mi sforzo di non farlo quando mi confronto direttamente con loro, ma mi rendo conto che mi capita di dare giudizi/etichette che li riguardano, parlando con terze persone. E’ certo che serate come questa sono utili per ricevere sempre nuovi spunti, cercando di aggiungere un nuovo pezzetto all’esperienza genitoriale che facciamo quotidianamente; anche ascoltare le esperienze di altri, può essere prezioso per trovare nuove strategie da mettere in pratica e per sentirsi un po’ più rincuorati e resi certi che la strada intrapresa è lunga, ma la via tracciata è pressoché quella giusta. Una mamma